Artifex editore Home Page
Google
 
Cerca nel sito Artifex

I Libri | Collegamenti | Artisti | ex libris | FAQ | Chi siamo | Mappa del sito
L'ex libris del bibliofilo | Blog | Aste on line | Bacheche | Block Notes

Notizie e opinioni sul mondo dei libri e dell'ex libris. 31 maggio 2009
Lettere | Collaborate | Tutti i titoli

Block Notes

Torna alla copertina


pubblicità

L'Arte e il torchio 2009 - Soncino (CR) e Cremona

“VI rassegna internazionale dell'incisione di piccolo formato”

Inoltre: Maestri dell'incisione latinoamericana contemporanea, Incisione italiana Under 35 e Lo sport negli ex libris

Testo e fotografie di Giancarlo Nicoli

 

Soncino (CR) e Cremona, domenica 19 aprile 2009.

Casa degli Stampatori, Soncino (CR). La mostra occupa due delle tre sale al primo piano, la terza sala ospita in permanenza cimeli propri del Museo della Stampa.
All’ingresso siamo accolti dall’infaticabile signor Ratti, che offre dimostrazione di stampa ai visitatori, a ciclo continuo.

Una curiosità. Mi si fa notare che il torchio al centro della stanza (quella a sinistra dopo essere saliti dalla scala) ha una pietra con disegno in positivo invece che negativo, fuori posto per il torchio in questione.

Gli ex libris in mostra provengono in massima parte dalla collezione personale del Presidente AIE (Associazione Italiana Ex Libris), il dott. Mauro Mainardi, con alcuni altri ex libris provenienti dalla collezione dell’AIE stessa.

Gli ex libris in mostra sono esposti su tavole, organizzate in modo omogeneo. Tra i gruppi omogenei di ex libris dedicati allo sport abbiamo notato:
Giochi Paralimpici Invernali, Torino 2008;
Olimpiadi di Pechino, 2008;
La Bicicletta, Campionato Mondiale di Varese, 2008
Ex libris dedicati ad altri sport: Automobilismo, Equitazione, Golf, Alpinismo;
Sport e Medicina.

Appuntamento ormai tradizionale, molto affollato anche questa volta, durante i discorsi di inaugurazione la sala era gremita, erano presenti qualche decina di persone. Anche un po’ di volti nuovi e di giovani, non solo i soliti habitué.
Tra i tanti, ho riconosciuto gli incisori Giorgio Orelli, Paolo Rovegno, Roberto Tonelli.

Gli onori di casa sono di Luca Locatelli, della Pro Loco di Soncino.

Vladimiro Elvieri, parlando in generale dell’edizione in corso della Biennale, si diceva soddisfatto per la buona riuscita dell’organizzazione e per la partecipazione transcontinentale degli artisti, alcuni dei quali presenti di persona e non solo con le loro opere.
Ha ricordato l’incontro tra Soncino e Cremona, culminato nell’inclusione di Soncino nella Biennale. Ha ringraziato tutti coloro che hanno reso possibile questo appuntamento. Qualcuno del pubblico gli ha attribuito il soprannome di “Deus ex torchio”, accolto da un divertito applauso.

Elvieri ha passato in rassegna le varie sezioni in cui è organizzata la Biennale. Si è detto contento della partecipazione internazionale alla Rassegna delle incisioni di piccolo formato, che ha visto artisti di nuove nazioni, tra queste ha citato il Camerun e la Malesia; ci sono apporti nuovi, nuovi interessi.

Per quanto riguarda i Maestri dell’incisione latinoamericana contemporanea, organizzata in collaborazione con Carmen Valbuena (direttrice dei progetti al Taller 99 di Santiago), ha detto che si tratta di una mostra di straordinaria importanza. Erano presenti artisti dell’atelier. La mostra è stata dedicata a Dino Formaggio, filosofo dell’arte da poco scomparso, che diede grande impulso alla Biennale.

Carmen Valbuena ha salutato rapidamente, era molto emozionata, ha ringraziato tutti per la calorosa accoglienza.

Mauro Mainardi ha introdotto la sezione dedicata a Ex libris e sport. Gli ex libris sono entrati a far parte della Biennale nel 2003.
La mostra di quest’anno è stata programmata l’anno scorso, anno in cui si sono svolti i campionati del mondo di ciclismo a Varese e le Olimpiadi a Pechino. Sono esposti trenta quadri (ciascuno contenente fra tre e sei ex libris). Pochi sono dedicati al calcio, che pure è lo sport prevalente in Italia.
Un ex libris, in particolare, è dedicato al doping nello sport. La droga ha ucciso molti sportivi, e se andiamo avanti così ucciderà anche lo sport.

Roberto Tonelli, Mauro Mainardi Vladimiro Elvieri, Carmen Valbuena, Mauro Mainardi
Le didascalie si riferiscono sempre prima alla foto a sinistra e poi alla foto a destra.
1 - Soncino (CR), Casa degli Stampatori. Roberto Tonelli (artista, incisore), a sinistra, con
Mauro Mainardi (Presidente Associazione Italiana Ex Libris - AIE)
2 - Vladimiro Elvieri, Carmen Valbuena (Taller 99, Santiago del Cile), Mauro Mainardi.


Vladimiro Elvieri, Carmen Valbuena, Mauro Mainardi Luca Locatelli, Vladimiro Elvieri, Carmen Valbuena, Mauro Mainardi
3 - Vladimiro Elvieri, Carmen Valbuena, Mauro Mainardi
4 - Luca Locatelli (Pro Loco Soncino), Vladimiro Elvieri, Carmen Valbuena, Mauro Mainardi


Carmen Valbuena, Mauro Mainardi Carmen Valbuena, Mauro Mainardi
5 e 6 - Carmen Valbuena con Mauro Mainardi

Beatriz Leyton, Carmen Valbuena, Marylin Bronfman,
7 - Foto di gruppo: da sinistra a destra, Beatriz Leyton, Carmen Valbuena, Marylin Bronfman,
Chiara Toni, Diana Formaggio, Vladimiro Elvieri, Ivonne Chia Fanx

Cremona. Centro Culturale di Santa Maria della Pietà. Sala gremita, grande successo. Prende la parola l’Assessore alla Cultura, Gianfranco Berneri. Organizzare una mostra di questo genere, a carattere internazionale, non è stato facile. Oggi Cremona è la capitale italiana dell’incisione. In questo momento gli spazi espositivi sono molti: qui dove siamo, la mostra all’ADAFA (incisori italiani under 35), quella di Picasso (Suite 347, al Museo Civico Ala Ponzone) e la sezione a Soncino. È la prima volta in Italia che si tiene un’esposizione così completa su Picasso.
Ringraziamenti agli Enti e ai Privati che hanno reso possibile la Biennale.

Il Sindaco, Gian Carlo Corada, saluta i presenti, con particolare affetto coloro che vengono da Paesi lontani (Argentina, Cile…). Rivolge un particolare saluto al rappresentante iracheno. La presenza stessa di queste persone provenienti da paesi diversi promuove la reciproca comprensione.
Cremona è una piccola capitale della grafica contemporanea, grazie soprattutto alle donazioni degli artisti partecipanti.
Ricorda Dino Formaggio, filosofo dell’arte.
Ringrazia tutti coloro che si sono impegnati in questi anni. Sottolinea apprezzamento per la fase didattica, sempre presente.

La parola torna brevemente all’Assessore Berneri, che ringrazia il personale dell’Assessorato agli affari culturali.

Tocca a Giorgio Fouqué, Presidente dell’ADAFA (Amici dell’Arte, Famiglia Artistica). Offre un sintetico ricordo di Dino Formaggio.
Dal 1999 la Biennale è diventata, per l’ADAFA, l’impegno predominante su ogni altra attività.
Ripercorre in breve le edizioni passate.
Descrive la mostra attuale, sono presenti artisti che vengono da Angola, Camerun, Uganda, Malesia, Giordania
Ringrazia vivamente Vladimiro Elvieri, gli Enti e i privati sostenitori.

Ancora Berneri prende la parola per ringraziare Paolo e Lidia Rovegno, che hanno recentemente donato alla città una ricca collezione di ex libris.

Vladimiro Elvieri interviene con un ricordo dell’amico Dino Formaggio, sottolineando il vuoto che egli lascia. Punto di riferimento per moltissimi studiosi. In catalogo viene ripubblicato, quale omaggio, il saggio “Moralità dell’artista”. Formaggio ha portato alla Biennale dieci anni di attività di ampio respiro e importantissimi contatti internazionali.
Si dice soddisfatto per l’ampiezza e la ricchezza della VI edizione dell’Arte e il Torchio.
Anche Elvieri ripercorre la storia delle precedenti edizioni.

Lo scopo della Biennale è quello di aprirsi alla collaborazione con atelier internazionali; aprirsi agli artisti di diverse nazioni; far vedere al pubblico quel che avviene all’estero.
Oggi abbiamo la fortuna di avere il Taller 99 di Santiago del Cile, punto di riferimento importante per l’America Latina. Sono in mostra 47 opere di 43 artisti, rappresentativi di diversi Paesi latinoamericani.
Le tecniche usate vanno dalla xilografia a tecniche più sperimentali e materiche.
Sono presenti opere di artisti africani, che pur lavorando in atelier europei, si portano dietro la cultura, il retroterra dei luoghi di provenienza.
Quasi tutta la Biennale è dedicata all’incisione originale, derivata da matrici.
Tra poco ci sposteremo nella sede dell’ADAFA. Stamattina abbiamo inaugurato a Soncino la mostra di ex libris sullo sport.
Durante tutta la durata della mostra sarà aperto il laboratorio didattico. Siamo aperti alle scuole, avvicineremo i ragazzi alle tecniche e alle pratiche dell’incisione.
Ringrazio tutti voi, anche gli artisti, alcuni dei quali sono venuti da oltre oceano.

Carmen Valbuena ha letto un discorso preparato, che Elvieri ha avuto la bontà di inviarmi, e che è riprodotto in calce.

All’ultimo momento è arrivata Adriana Zeni Formaggio, la vedova di Dino Formaggio, che ha tracciato un profilo del marito.
Dice di aver visto con gioia che fuori c’è una sua fotografia (una gigantografia a grandezza naturale, un Dino Formaggio serafico, in piedi, in posa rilassata, che accoglie all’ingresso i visitatori, n.d.r.) quale omaggio.
Lui era sempre aperto, curioso, interessato alle nuove esperienze artistiche. L’ultimo decennio è stato intenso di attività culturali, nonostante l’età avanzata.
Ha vissuto all’insegna della passione.
Definì l’incisione la più alta espressione dell’eternità dell’uomo.

Ha chiuso l’inaugurazione il M° Andrea Mosconi (conservatore del Museo Stradivariano della città), che si è esibito con uno Stradivari Vesuvius 1727, chiamato così per via del colore acceso che aveva il legno del violino quando fu costruito. Il colore in parte se ne è andato ma il suono è sempre eccellente


Gianfranco Berneri
8 - Cremona - Gianfranco Berneri, Assessore alla Cultura del Comune di Cremona

Carmen Valbuena, Vladimiro Elvieri, Gianfranco Berneri, Gian Carlo Corada, Giorgio Fouquè Pubblico in sala
9 - Carmen Valbuena, Vladimiro Elvieri, Gianfranco Berneri, Gian Carlo Corada, Giorgio Fouquè
10 - Una parte del folto pubblico che ha assistito all'inaugurazione della VI Biennale,
svoltasi nel Centro culturale "Città di Cremona" Santa Maria della Pietà, in
piazza Giovanni XXIII


Gian Carlo Corada, sindaco di Cremona, tra Gianfranco Berneri e Giorgio Fouquè Vladimiro Elvieri
11 - Gian Carlo Corada, sindaco di Cremona, tra Gianfranco Berneri e Giorgio Fouquè
12 - Vladimiro Elvieri ripreso durante il suo discorso di inaugurazione


Carmen Valbuena Gianfranco Berneri con Adriana Zeni Formaggio
13 - Carmen Valbuena, giunta appositamente dal Cile
14 - Gianfranco Berneri con Adriana Zeni Formaggio, vedova dell'indimenticato
Dino Formaggio, cui è stata dedicata la VI Biennale


Andrea Mosconi (conservatore Museo Stradivariano, CR) Visitatori al Centro Culturale Città di Cremona
15 - Non poteva mancare una esibizione al violino, quest'anno eseguita dal
Maestro Andrea Mosconi (conservatore del Museo Stradivariano, CR)
16 - Visitatori affollano il salone del Centro Culturale Città di Cremona


Visitatori nella sala principale della sede ADAFA, Cremona Giorgio Fouquè
17 - Cremona - Casa Sperlari - Visitatori nella sala principale
18 - Giorgio Fouquè tiene il discorso di inaugurazione della mostra
"Incisione italiana under 35"


Giorgio Fouquè e Gianfranco Berneri Giorgio Fouquè e Gianfranco Berneri

19 e 20 - Giorgio Fouquè e Gianfranco Berneri inaugurano la sezione della Biennale
dedicata ai giovani artisti italiani under 35

Pubblichiamo il discorso di Carmen Valbuena (direttrice dei progetti al Taller 99 di Santiago e curatrice, con Vladimiro Elvieri, della esposizione "Maestri dell'Incisione Latinoamericana Contemporanea".

Allorchè fummo invitati a fare parte dell’organizzazione de L’Arte e il Torchio, ebbi la sensazione di un’esperienza affascinante e di una sfida di grande portata. Nel pensiero collettivo significò l’avvicinamento al Vecchio Mondo, pieno di energie, di tradizioni e, personalmente, l’esperienza di riavvicinarmi ai miei antenati friulani. È appunto per questo che sarà sicuramente un esperienza ricca di emozioni.

L’incisione in Latinoamerica nasce con l'illustrazione popolare, attraverso la letteratura delle immagini, chiamata in spagnolo “literatura de cordel” o “foglio libero”, molto diffusa al tempo della Spagna della conquista. Si parla allora nello stesso tempo della nascita della tipografia come arte modesta e con opere di artisti popolari.

Il successivo passaggio storico è venuto con la creazione di laboratori di incisioni in Latinoamerica e nei Caraibi; si è formato cosí un ambiente comunitario che è servito da stimolo sia agli artisti che alla società. Sono stati significativi gli apporti del “Taller Gráfica popular” a cittá del Messico nel 1937. Nel 1940 Stanley William Hayter ha fondato l’Atelier 17 a New York, che ha dato origine con l’artista cileno Nemesio Antúnez, nel 1956 al “Taller 99”, in Cile. Su questa linea sono apparsi: Atelier Livre in Brasile; il Club dell’incisione in Uruguay; Alfredo D’Vicenso in Argentina; il laboratorio di Gráfica del Dipartimento di Istruzione per la Comunitá a Porto Rico e così via. Di questo passo arrivó ben presto nelle universitá e negli Istituti educativi e si formalizzò cosí l’insegnamento della disciplina dell’incisione e di nuove pratiche concettuali delle immagini.

Negli anni 60 iniziò anche in Latinoamerica la tradizione delle biennali internazionali che costituirono il motore principale per creare, non solo interscambi di idee e di conoscenza della produzione degli artisti grafici ma, anche uno strumento efficace per valutare lo stato grafico nell’attualità. Qui, sia l’arte tradizionale che sperimentale condividono un posto importante, si possano trovare inoltre nuovi indirizzi e nuovi codici nel linguaggio artistico.

Nella biennale L’Arte e il Torchio, che ha un’identità internazionale, possiamo così trovare due omaggi, uno al filosofo dell'arte Dino Formaggio, l'altro ai Maestri Latinoamericani dell’incisione. Per questo, ringraziamo tutti voi e in modo speciale il maestro Vladimiro Elvieri per la sua meravigliosa gestione ed il suo graditissimo invito.

Carmen Valbuena Piemonte - Direttrice dei Progetti Taller 99-Chile


Altre notizie:

resentazione libro sugli ex libris : Grandi incisori dell'ex libris e piccola grafica

Regolamento concorso: Libri mai visti 2009

Mostra di grafica d'arte: A Cremona, Picasso in bianco e nero

In agenda: Il Frontespizio - mostra mercato del libro e della stampa antichi - Mantova

Mostra di ex libris: Cesare Pavese 25 Ex libris



del.icio.us AddThis Social Bookmark Button


Testi e immagini © dei rispettivi proprietari
© Artifex 2009 - Tutti i diritti riservati.

pubblicità