Artifex editore Home Page
Google
 
Cerca nel sito Artifex

I Libri | Collegamenti | Artisti | ex libris | FAQ | Chi siamo | Mappa del sito
L'ex libris del bibliofilo | Blog | Aste on line | Bacheche | Block Notes

Notizie e opinioni sul mondo dei libri e dell'ex libris. 11 ottobre 2007
Lettere | Collaborate | Tutti i titoli

Block Notes

Torna alla copertina


pubblicità

Il profilo storico

Bruno da Osimo. La vita, la grafica, gli ex libris

Pagina 1 | Pagina 2 | Pagina 3 | Pagina 4 | Pagina 5

 

Ex libris di Bruno da Osimo
Bruno da Osimo. Ex libris per Jean Gondran
Illustrazione tratta dal volume di
Franco Albonetti "Un bulino e tre stelle",
Edizioni La Scuola, Brescia, 1961

(...) realizzate proprio durante il periodo dei bombardamenti su Ancona nella Seconda guerra mondiale), la Divina Commedia. Ma lo si vede anche in altre numerose decorazioni di libri per ragazzi che l’autore realizzò dagli anni Venti, e oggi forse ingiustamente un po’ dimenticate, come le Novelle di Luigi Pirandello, edite da Mondadori (1935) i Racconti civili di Pietro Domenichelli editi da Bemporad (1924), Libri e ragazzi. Sommario storico di letteratura infantile di Olga Visentini, uscito per Mondadori (1933).

Un’analisi dettagliata degli ex libris di Bruno da Osimo sarebbe difficile nel breve spazio di un articolo, se non altro perché tra gli exlibristi italiani del ‘900 è quello che ha al suo attivo la produzione più vasta: un repertorio che supera i quattrocento esemplari, tutti basati su xilografie, disseminati in varie collezioni private.

Non solo, come si è già detto, per quanto riguarda gli ex libris il De Carolis ha avuto un ruolo di incoraggiamento e di stimolo per Bruno da Osimo, come d’altra parte per altri artisti del tempo (in particolare orientandoli verso la produzione xilografica, che senza di lui sarebbe forse stata consegnata per sempre al passato), ma nella produzione dei primi anni Bruno si pone sulle orme del maestro, come dimostra un ex libris che realizzò nel 1918 per sé stesso, con una testa di Medusa di foggia manieristica. Con il passare degli anni si avvicinerà invece sempre più a stilemi quattrocenteschi profondamente segnati dalla sua sensibilità religiosa, che spesso sarà tuttavia temperata da una grazia decorativa tipica dell’Art Nouveau, che Bruno doveva aver certamente assorbito nel corso della sua formazione giovanile.

Ex libris di Bruno da Osimo
Bruno da Osimo. Ex libris per Armand Godoy
Illustrazione tratta dal volume di
Franco Albonetti "Un bulino e tre stelle",
Edizioni La Scuola, Brescia, 1961

Si deve comunque sempre fare attenzione, nella sua produzione di ex libris, alla differenza che sussiste tra la produzione destinata a personalità illustri (i pontefici Pio XI, Pio XII e Giovanni XXIII, Benito Mussolini, Vittorio Emanuele III e Umberto II di Savoia), e quelli destinata ad amici e conoscenti, oppure a sé stesso. Nei primi prevale una certa solennità: allegorie austere e monumentali che celebrano, prima che l’uomo, il suo ruolo pubblico (la spada di Vittorio Emanuele, il veliero di papa Pio XI). Anche i motti sono rigorosamente in latino. Nei secondi, invece, perviene a una maggiore libertà e semplicità, viene meno l’ingessatura monumentale, e ciò che resta è l’universo di sogni e immagini più propri all’animo dell’artista, quelli che presiedono alla sua interiorità e alla dimensione biografica più intima degli innumerevoli destinatari: la fontana, il cielo stellato, il frate viandante, l’albero spoglio ma saldo sul suo tronco e visitato dalle rondini, oltre alle stelle di cui abbiamo già parlato. Qui i motti e le citazioni da testi poetici, che contrassegnano gli ex libris di Bruno più di quelli di qualsiasi altro autore del Novecento, sono per lo più in italiano arcaico.

Ex libris di Bruno da Osimo
Bruno da Osimo. Ex libris proprio.
Illustrazione tratta dal volume di
Franco Albonetti "Un bulino e tre stelle",
Edizioni La Scuola, Brescia, 1961

Pertanto se da una parte gli ex libris di Bruno da Osimo, per il loro numero altissimo e la varietà delle figurazioni, assurgono a opere d’arte autonome, anticipando una tendenza che sempre più prenderà piede nell’ex libris del secondo Novecento e dei giorni nostri, dall’altra, per il loro simbolismo e per la presenza costante della parola, si collegano e riallacciano alla produzione di contrassegni librari dei secoli passati, figurativa e araldica, distinguendosi nettamente dalla deriva puramente figurativa di molta produzione più recente.

La redazione di una bibliografia su Bruno Marsili, in arte Bruno da Osimo, è un’operazione assai complicata, e difficilmente esaustiva. Se non altro perché deve tener conto, oltre che di alcuni essenziali cenni bibliografico-critici sull’autore, delle opere che egli pubblicò a sua firma e di quelle che, pur non essendone autore, riportano le sue incisioni.

Riportiamo anzitutto, più avanti, in ordine cronologico di pubblicazione, i principali titoli di classici (...)

Bruno da Osimo, ex libris per sé stesso Bruno da Osimo, ex libris per sé stesso
Bruno da Osimo. Due ex libris per sé stesso.
Illustrazioni tratte da "L'Officina di Bruno da
Osimo. Xilografie, maioliche, tessuti", a cura di Stefano Papetti,
Milano, Federico Motta Editore, 2000

torna alla pagina precedente - vai alla prossima pagina


Altre notizie:

Ex Libris - I libri di ieri: Peter Velikov Ex Libris

Mostra di ex libris – Premiazione concorso: Gli ex libris al Congresso Internazionale del 7° Centenario della venuta di Dante in Lunigiana

Presentazione catalogo exlibristico: Il Bosco Stregato 2007

Uno sguardo su: L'ex libris italiano, gennaio-aprile 2007

Regolamento concorso grafica d’arte: 7a Lessedra World Art Print Annual - mini print 2008


del.icio.us AddThis Social Bookmark Button


Testi e immagini © dei rispettivi proprietari
© Artifex 2007 - Tutti i diritti riservati.

pubblicità