Tutto quanto fa ex libris
Random header image... Refresh for more!
Pubblicità

“Il Boccaccio inciso”


Dal comunicato stampa.

Continua il percorso della mostra itinerante “Il Boccaccio inciso”, dopo Budapest e Pienza sabato 6 luglio  la mostra viene  inaugurata nel Museo Civico di Montepulciano.

'Il Boccaccio inciso' a Montepulciano

‘Il Boccaccio inciso’ a Montepulciano

Il Boccaccio inciso

Il progetto proposto da Gian Carlo Torre a Giancarlo Mezzetti, nell’estate 2012, da sottoporre a Paolo Tiezzi Maestri, Presidente della Società Bibliografica Toscana, per fornire il proprio contributo alla celebrazione del settimo centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, è divenuto realtà operante.

La mostra vede confermato il suo carattere itinerante dopo Budapest e Pienza viene esposta dal 6 luglio , giorno dell’inaugurazione, al 8 settembre nei locali del Museo Civico e Pinacoteca Crociani di Montepulciano.

Le tematiche oggetto dei centouno ex libris esposti, realizzati dai settantatre Artisti invitati, con tecniche xilografiche e calcografiche, illustrano e narrano, sia al visitatore casuale che al conoscitore esperto del Boccaccio e del mondo dell’incisione, luoghi, incontri e momenti salienti della sua vita, brani delle opere e di trenta delle novelle del Decameron, partendo dai riferimenti alla allegra brigata che si incontra in Santa Maria Novella. Suggestivo, tra gli incontri, il riferimento a Barlaam Calabro di Seminara, insegnante di greco di Petrarca, e di Boccaccio; la conoscenza del greco contribuì, con la riscoperta dei testi greci, a tutto ciò che contribuirà alla nascita e allo sviluppo del movimento umanista.

Nel contempo ricorrendo in questo anno 2013 il centenario della nascita del Professor Vittore Branca il massimo studioso del Boccaccio e di fondamentale importanza per la vita culturale italiana e internazionale, lungamente alla guida della Fondazione Cini, possiamo ammirare alcuni ex libris dedicati alla Sua figura di ricercatore e filologo. In uno in particolare si ripercorre il percorso di studio del codice autografo di Boccaccio, Hamilton 90, sancito da Branca e Ricci, databile al 1370, la collaborazione con con Tilo Brandis , Ekkehard Vesper della Staatsbibliotek di Berlino e Eugenia Govi della Marciana di Venezia; l’edizione critica secondo l’autografo Hamiltoniano a cura di Branca fu curata per l’Accademia della Crusca e data alle stampe nel 1976.

Fondamentale il ruolo dell’ex libris nel mondo del bibliofilo, traccia e guida della storia delle biblioteche e delle donazioni librarie, come si evince nell’ex libris riferito al dialogo tra Fresco da Celatico e la nipote Cesca ove sullo sfondo fiorentino osserviamo i tanti libri sparsi sul letto intorno a Cesca “il ricordo per la letteratura e il desiderio di riportare l’ex libris nel mondo della bibliofilia”.

Legame sancito dal percorso della mostra dalla XX edizione del Festival Internazionale del Libro di Budapest, 18 – 21 aprile 2013, alla Galleria dell’Istituto Italiano di Cultura di Budapest, a Pienza, casa madre della Società Bibliografica Toscana, a Montepulciano, ove nella sede museale del Museo Civico e Pinacoteca Crociana le radici si sposano con i frutti dell’arte, e a Certaldo sede naturale della vita di Gianni Boccaccio.

Fonte: http://www.museisenesi.org/articoli/il-boccaccio-inciso

Notizia dell’inaugurazione (con foto) sul sito della Società Bibliografica Toscana.

Pubblicità