Tutto quanto fa ex libris
Random header image... Refresh for more!
Pubblicità

Gli ex libris degli artisti famosi. Presentazione di un ex libris inedito di Michele Cascella.


Dal comunicato stampa.

17 Giugno 2011, ore 18.00

Programma conferenza

Introduce: Carlo Sanvitale Presidente del Museo

Relatore: Cristiano Beccaletto Direttore artistico del Museo

Gli ex libris degli artisti famosi

Presentazione di un ex libris inedito di Michele Cascella

Sono numerosi i casi di artisti famosi che, seppure episodicamente, si sono cimentati in campo exlibristico. Per famosi si intendono quegli artisti che sono entrati a pieno merito nella Storia dell’Arte, che hanno le loro opere nelle collezioni pubbliche e private nel mondo, che abbiano partecipato da protagonisti ai vari movimenti artistici del secolo scorso, che abbiano manifestato la propria arte con le più svariate tecniche. Ad esempio, solo per ricordare qualche nome, Piet Cornelij Mondrian, Gustav Klimt, Max Klinger, René Magritte, Pablo Picasso, fino a Folon. In campo italiano sono noti e ricercati dai collezionisti gli ex libris di Umberto Boccioni, i due di Massimo Campigli, quello di Giacomo Manzù, fino ai due bozzetti per ex libris realizzati da Giò Ponti nel 1919.

Nel 1999 ebbe un lusinghiero successo la mostra Ex libris d’Arte curata da Remo Palmirani a Palazzo Farnese di Ortona e dedicata appunto ai fogli di artisti entrati nella storia dell’arte.

Come vedremo, esaminando gli ex libris, troveremo comuni affinità: quasi tutti hanno una storia singolare da raccontare. Di solito esisteva un rapporto di amicizia fra artista e collezionista. Spesso i titolari appartenevano al substrato artistico-culturale dell’epoca e quindi scrittori, editori, uomini di cultura, raffinati e preparati collezionisti.

La parte preponderante, per numero e qualità, è quella riguardante il periodo della Secessione e dell’Espressionismo. Alcuni di questi fogli, sono opere giovanili tanto diverse da quelle della maturità, come nel caso di Picasso, di Mondrian, di Klee.

Questa conferenza svela come anche l’ex libris sia stato oggetto della considerazione di alcuni grandi artisti e forse, con un po’ di fortuna e pazienza, altri fogli sono pronti ad uscire dall’anonimato, dagli scaffali polverosi di una biblioteca o da una bancarella sulla Senna. (Cristiano Beccaletto)

In occasione della conferenza sarà presentato un ex libris inedito di Michele Cascella creato negli anni settanta del secolo scorso. L’ex libris è stato donato al Museo dal collezionista milanese Gianni Bonifacci.

Pubblicità