Tutto quanto fa ex libris
Random header image... Refresh for more!
Pubblicità

Soncino: Il Risorgimento italiano attraverso gli ex libris.


Dal comunicato stampa.

Celebrazione del 150° dell’unità d’Italia

Il Risorgimento Italiano e i 150 anni dell’unità d’Italia sono ricordati durante tutto questo anno con moltissimi eventi e manifestazioni culturali.

L’Associazione Combattenti, Reduci e Simpatizzanti di Soncino, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e il Credito Cooperativo di Caravaggio, desidera ricordare questo evento proponendo l’esposizione di alcuni elaborati grafici.

Soncino è conosciuto, oltre che per la sua storia e i suoi monumenti, anche per l’attività degli stampatori ebrei Soncino che in questo piccolo borgo stamparono la prima bibbia ebraica completa nel 1488.

Memori di questa tradizione storica ripercorriamo il Risorgimento Italiano attraverso incisioni , stampe, giornali, libri e materiale storico proveniente dal nostro Museo del Risorgimento Italiano.

Nelle teche sono esposte una serie di incisioni moderne, alcuni Ex Libris che presentano i personaggi e le fasi dell’unificazione della nostra patria, ed altre incisioni sul tema realizzate dal nostro concittadino Lanzanova Giuseppe.

Seguono una serie di stampe del periodo 1848-1856 tratte dal giornale francese Le Monde Illustré che rappresentano le fasi relative all’unificazione d’Italia da parte dei Garibaldini e dell’esercito sabaudo, e alcuni documenti locali che mostrano la partecipazione dei soncinesi ai moti risorgimentali.

A completare il percorso alcuni oggetti relativi a questo particolare periodo storico tra i quali quadri di Garibaldi, di Vittorio Emanuele, un foulard di seta di Papa Pio IX , giornali, riviste, libretti di musica , libri, editti pubblicazioni odierne.

Arricchisce l’esposizione un raro torchietto del 1840 utilizzato nelle campagne belliche per stampare gli ordini di servizio.

L’esposizione è stata realizzata grazie alla collaborazione degli amici dell’Associazione, in particolare la sig.ra Goffi Alessandra e il sig. Corradini Federico per l’allestimento e la coreografia, il sig. Cernuschi Davio per la parte storica, dal sig. Cassi Mario dell’Associazione Araldo di Crema e al materiale ricevuto da privati, dal nostro comune, dal Prof. Mainardi Mauro,dalla famiglia Cuneo, dal sig. Corbani Enzo, dal Museo Storico di Romano di Lombardia, dal Sig. Sassi Luciano, dal sig. Bianchessi Franco, dal Prof. Emanuele Bettini, Presidente dell’istituto del Risorgimento Italiano della provincia di Cremona e dall’Ass. Araldo di Crema.

L’inaugurazione della mostra è avvenuta  sabato 2 Aprile alle ore 16,30 presso le sale museali poste nella Rocca Sforzesca di Soncino , mostra che rimarrà aperta fino al 22 maggio.

 

Grafica d’arte ed ex libris per la mostra del Risorgimento di Soncino

di Mauro Mainardi

I promotori della mostra sul Risorgimento nella Rocca di Soncino hanno voluto documentare anche con opere d’arte visiva la celebrazione del 150° anniversario dell’unità d’Italia.

A Roma nel 2010 si è già usata quest’arte visiva per celebrare l’avvenimento, esponendo nelle Scuderie del Quirinale molti quadri di Pittori del Risorgimento, di cui è esposto il catalogo nelle bacheche del manifestazione soncinese.

In Rocca sono in mostra solo grafiche d’arte, libere ed exlibristiche, di grande e di piccolo formato. Alcune di queste opere sono dei d’après dei quadri dell’esposizione romana, solo in parte riprodotti nel catalogo.

Hanno partecipato incisori di Scuole d’Arte di diverse Regioni d’Italia: Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo e Sicilia. Anche questo spirito di partecipazione collettiva è espressione dell’unità della cultura nazionale, documentata anche prima dell’unione politica, dall’uso in tutte le Regioni della lingua di Dante Alighieri. In lingua italiana hanno scritto i poeti siciliani del XIII secolo, l’abruzzese San Francesco, il laziale Jacopone da Todi, il toscano il Collodi (per non parlar di Dante e Petrarca), il poeta ligure Goffredo Mameli, il piemontese Edmondo De Amicis, il veneto Carlo Goldoni, il milanese Alessandro Manzoni. L’elenco ognuno lo può allungare come vuole, ricordando anche che l’uso della stessa lingua non ha mai precluso l’uso delle lingue dialettali; basta a questo proposito menzionare le poesie del milanese Carlo Porta.

Per quanto riguarda la letteratura è bene segnalare che alcuni dei scrittori ricordati (De Amicis, Collodi e Mameli) anno partecipato anche alle storiche battaglie del Rinascimento.

L’immagine di alcuni dei poeti ricordati sono presenti nelle grafiche d’arte esposte a Soncino.

Le opere in mostra, realizzate con diverse tecniche grafiche, sono di:
Margherita Bongiovanni, Maurizia Marini, Piero Tacconi, Elvio Puccini, Marina Simoni, Gabriella Santarelli, Gianna Gualandi, Renato Coccia, Marie Luise Albessard, Nagy Laslo Lazar, M. Rosanna Cafolia, Luigi Casalino, Maurizio Boiani, Angelo Arrigoni, Paola Pareschi , Anna Ottani.

Infine opere di Bruno Missieri e del Soncinese Giuseppe Lanzanova.

Pubblicità