Tutto quanto fa ex libris
Random header image... Refresh for more!
Pubblicità

Soncino: Giuseppe Lanzanova, acqueforti


Dal comunicato stampa.

lemostrediCasaStampatori : Omaggio ai Grandi dell’arte grafica e pittorica,

7 novembre – 31 dicembre

Giuseppe Lanzanova, acqueforti

Omaggio ai Grandi dell’arte grafica e pittorica

7 novembre– 31 dicembre

(inaugurazione, domenica 7 novembre h. 11:00)

Con questa mostra si chiude la stagione 2010 delle iniziative culturali presso il Museo della Stampa di Soncino. Si è voluto concludere questa stagione con un artista locale, che da ben quarant’ anni si dedica alla grafica e all’incisione, il dott. Lanzanova Ing. Giuseppe classe 1921.

Dopo il successo della mostra dell’anno scorso, Lanzanova esporrà le sue acqueforti e puntesecche alla Casa Stampatori di Soncino nei mesi di novembre e dicembre 2010.

L’inesauribile pensiero creativo e il desiderio di fare lo hanno portato ad interpretare i grandi artisti del passato, dal rinascimento italiano e tedesco con Leonardo, Raffaello, Michelangelo, Durer, per scendere attraverso Piranesi, ai macchiaioli Fattori, Lega, Cabianca e arrivare ai giorni nostri con Morandi, Giannino Grossi, Picasso, Gottuso.

Un accenno alla Recessione Viennese con Klimt e Schiele. Altri artisti completano la mostra, un importante omaggio ad un’arte, ancora oggi forse poco conosciuta ed apprezzata.

Giuseppe Lanzanova: Nato a Soncino nel 1921, Lanzanova ha da sempre avuto nel cuore l’antico borgo. Ha vissuto in gioventù presso i cascinali di Prevosta, Motta, S. Michele.

Dopo gli anni di guerra e di prigionia in Grecia, Tunisia e Sicilia come ufficiale di artiglieria e di prigionia in Algeria e Francia, ha frequentato il politecnico di Milano, laureandosi in ingegneria. Impiegato e poi dirigente presso un grosso gruppo cartario italiano è stato contemporaneamente per due mandate sindaco di Lonate Ceppino, comune della provincia di Varese, sito vicino al complesso industriale. E’ stato nominato Cavaliere della Repubblica.

La grafica e la pittura sono sempre state una sua grande passione.

Trasferitosi, per ragioni di lavoro, a Milano con la famiglia, la moglie Laura e i figli Roberto e Paolo, ha frequentato il mondo dei pittori ed ha partecipato (1960- 1980) con successo a mostre collettive e personali con opere pittoriche di avanguardia “La ricerca programmata della forma.” (Bolaffi e Quadrato).

Benché il lavoro occupasse gran parte del suo tempo, l’amore per l’arte ha sempre avuto una grande importanza.

Nel 1970 ha iniziato a dedicarsi alla grafica, in particolare acquaforte e punta secca, da allora ha inciso oltre 540 lastrine, alcune di Soncino molte di Milano dove ancora oggi lavora, come presidente di un importante gruppo ospedaliero.

Questa mostra, che verrà realizzata nel suo paese natio alla Casa Stampatori, per Lanzanova è un sogno che si avvera.

www.lanzanova.it

Pubblicità